Protezione Internazionale

Il Comune di Pontassieve è capofila per i Comuni di Bagno a Ripoli, Figline e Incisa Valdarno, Greve in Chianti, Impruneta, Londa, Pelago, Reggello, Rignano sull'Arno, Rufina, San Casciano Val di Pesa, San Godenzo e BarberinoTavarnelle del progetto SIPROIMI della zona Fiorentina Sud Est, finalizzato all'accoglienza integrata di richiedenti e titolari di protezione internazionale.

Promosso e finanziato dal Ministero dell’Interno e coordinato da ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), il SIPROIMI è costituito dalla rete degli enti locali, che, grazie al supporto qualificato delle realtà del terzo settore, aderiscono alla rete per garantire interventi di "accoglienza integrata".

Il progetto SIPROIMI (Sistema di protezione per richiedenti asilo, rifugiati e minori stranieri non accompagnat, rinominato dal D.L. 4 ottobre 2018, n. 113 convertito in Legge 1 dicembre 2018, n. 132) della zona Fiorentina Sud Est nasce come progetto SPRAR nel 2016 ed è gestito da una RTI composta da Arci Comitato Regionale Toscana e da CAT cooperativa sociale

L’équipe multidisciplinare, composta da operatrici ed operatori esperti che da anni operano nell'ambito dell’accoglienza e della promozione del diritto d’asilo, garantisce che le persone accolte nel progetto siano supportate nel loro percorso di ri-acquisizione di autonomia e di fruizione dei propri diritti di cittadini tramite interventi che superano la distribuzione di vitto e alloggio, prevedendo invece misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.

Il progetto accoglie le persone in appartamenti situati nei centri abitati e ubicati nei comuni di Londa, Rufina, Pelago, Pontassieve, Rigano sull’Arno, Reggello, Figline e Incisa Valdarno e San Casciano Val di Pesa per un totale di 60 posti messi a disposizione.

Vai al sito del SIPROIMI