Riqualificazione dal Centro storico al Parco Fluviale

Ottobre 2018. Pista ciclabile dal Centro storico al Parco Fluviale. I lavori si spostano lungo viale Diaz
Comune di Pontassieve
via Tanzini 30
Pontassieve

Prosegue l’intervento per la realizzazione della pista ciclopedonale dal Borgo al Parco Fluviale e della generale riqualificazione del giardino di Viale Diaz.

I lavori, che hanno preso il via in Via del Prato con la realizzazione in corso del tratto di collegamento sul ponte nuovo, entrano nel vivo dell’intervento con i lavori lungo viale Diaz.

In questa fase – dalla prossima settimana  saranno, sia per motivi di sicurezza che di decoro, sostituiti i 28 pini lungo Sieve con 32 altre alberature autoctone (9 alberi di frassino, 14 meli ornamentali e 9 aceri campestri) e aggiunti nuovi arbusti e piante di roso, di modo da restituire ai pontassievesi un lungo Sieve bello da pedalare, da correre, da vivere in ogni momento della giornata da grandi e piccini. Per realizzare questo lotto di intervento non sono previste chiusure al traffico, ma soltanto alcune variazioni temporanee della mobilità veicolare lungo Viale Diaz.

Il lavoro ultimato vedrà la rinascita di uno dei luoghi storicamente più cari ai pontassievesi, che, oltre a nuovi alberi, elementi decorativi e camminamenti pedonali, vedrà la nascita della nuova pista ciclopedonale che collegherà in modo finalmente sicuro il Centro di Pontassieve e il Parco Fluviale Fabrizio De André. 300000 euro – questo è il costo dei lavori – tutti finanziati dal bando periferie della Città Metropolitana i cui fondi sono stati ottenuti dal Comune di Pontassieve grazie al progetto realizzato dai tecnici comunali che è stato premiato, ottenendo il 100% delle risorse per l’intero lavoro.

"La rinascita del parco di Viale Diaz, da troppo tempo ormai percepito come periferia del paese – spiegano il Sindaco Monica Marini e l’assessore ai lavori pubblici Filippo Pratesirappresenta un altro risultato importante per la nostra visione del paese, che  premia la capacità progettuale e la scelta di migliorare la qualità ambientale e la mobilità sostenibile nei nostri centri urbani, Dopo la prima fase adesso entriamo nel vivo dell’intervento con l’auspicio di veder trasformare a breve in realtà questo importante lavoro”.